Comunicato – La scoperta di fossili a Laceno

Nei boschi del Laceno sono stati trovati dei fossili, inviati da tale Ufficio ad un istituto universitario, sono stati sottoposti ad analisi paleontologica.
Di seguito si riporta la descrizione fatta dalla professoressa che ha eseguito tali analisi.
Da un’analisi osservazionale dei campioni è emerso che probabilmente potrebbe trattarsi di nerinea nelle foto 6401 – 6405 – 6406 e 6407, mentre requienie nelle foto 6402 – 6403 e 6404..
E’ possibilissimo trovare entrambi in una stessa associazione.
La Requienia fa parte delle rudiste che danno il nome ai famosi “calcari a requienie” comunissimi sul Matese (a Pietraroja ad esempio, famosa per il fossile del piccolo dinosauro Ciro) che sono datati al Cretacico inferiore, quindi stratigraficamente compatibili con i carbonati dell’Irpinia.
La nerinea invece fa parte dei gasteropodi ed interessa un periodo temporale che va dal Giurassico al Cretacico.